Vai ai contenuti

Comunicato stampa 1/3/2022

NEWS DAL MUSEO




Comunicato stampa
OGGETTO:  
Nuove opere esposte nel Museo Regianini
nell'estate 2022

“Surrealismo... ad alta quota” è il titolo che abbiamo scelto, quest’anno, per una pubblicazione (disponibile, in estate,  in versione cartacea nel Museo e come Flipbook on line) in cui saranno raccolti  i materiali prodotti e la presentazione delle manifestazioni estive.  
Ecco un anteprima, concernente le nuove opere che saranno visibili nel centro museale, dall’inizio di luglio.  
I tre dipinti riguardano lo stile prediletto da Regianini, un surrealismo “senza veli”, volto a rappresentare la realtà qual essa è. Visivamente, le opere colpiscono per il modo “crudo” in cui  persone e ambienti sono raffigurati.  
Nei quadri scelti, il tema di fondo è quello del “mistero” della vita e, soprattutto, della morte.
Segue una breve presentazione delle tre opere, che si potranno ammirare nel Museo di Costalissoio.



1. Prime tristezze
(1980,  olio su tela,   cm  30x24)

Opera, mai, finora, esposta al pubblico.  Si tratta di un quadro  emblematico, in cui vengono accostati la vita e la morte. La prima è rappresentata dal ragazzino che ha lasciato partire (o gli è scappato di mano?) il palloncino, dov’erano custoditi i suoi sogni, e lo segue con lo sguardo attento. Prova le “prime tristezze” sia perché il palloncino se ne va sia perché contemporaneamente egli nota, di fronte a sé il voluminoso teschio. I due elementi lo portano, per la prima volta, a riflettere sul futuro della sua vita e sulla morte.
(CLICCA QUI o sulla FOTO del quadro, se vuoi ingrandirla)



2. Gruppo di famiglia
(1983, olio su tela, cm 100x80)
      
In primo piano, diversi teschi a raffigurare quello che è il simbolo visivo del “dopo-morte”.
Sullo sfondo, tanti particolari fotogrammi che ritraggono vari aspetti delle nostra vita terrena e raffigurano l’esistenza umana, fissando in alcune istantanee il mondo dei sentimenti, e, soprattutto, quello dell’amore. Colpisce particolarmente il pulcino giallo, in un ambiente monocolore triste, grigio.
Sembra osservare tutto e ammonirci sulla realtà che ci aspetta. “Guardate… ecco ciò che sarete!” pare voler dire.
(CLICCA QUI o sulla FOTO del quadro, se vuoi ingrandirla)



3. Carne fresca
(2009, acrilico su tavola, cm 70x70)
 
Il pittore rappresenta i “passaggi della vita”, in 4 fotogrammi, istantanee che, nel puro stile surrealista da lui prediletto, raffigurano in modo chiaro quella che è la vita terrena. Nell'arco di pochi decenni, la bellezza di una pelle senza rughe, tipica della giovinezza, lascia spazio all’orribile decomposizione del volto.  “E’ questa l’assurda realtà" sembra voler dire il pittore.  I quattro volti, disposti in loculi lignei, hanno ciascuno una particolare connotazione che caratterizza il deterioramento fisico nei mutamenti degli occhi, dei capelli, delle orecchie e soprattutto della bocca (chiusa nel primo fotogramma, poi aperta, fino  a mostrare il digrignare dei denti, che sembra alludere a uno straziante grido di dolore).
(CLICCA QUI o sulla FOTO del quadro, se vuoi ingrandirla)



Costalissoio di Cadore, 1/3/2022

A cura delle
Pubbliche Relazioni del Museo Regianini Surrealismo
(Angela De Villa - Ludovica Regianini - Guido Buzzo - Pino Bertorelli)

---------------------------------------------------------
PER VISITE DEL MUSEO...  SU APPUNTAMENTO
Cell.: 3343501273
---------------------------------------------------------
 
TUTTE LE INFO SULL'ESTATE NEL MUSEO
sono pubblicate nei siti web


 
E-mail: museoregianini@libero.it
Museo Regianini - Costalissoio (BL) - Per INFO e PRENOTAZIONI VISITE Tel. 0435 62600 - Cell. 3343501273
by Pino B.
Torna ai contenuti