Vai ai contenuti

#VoicesoftheMountain (24 maggio)

NEWS > DOLOMITI UNESCO 2021



IL MUSEO REGIANINI SURREALISMO
partecipa alla
Seconda Edizione della campagna di

#DolomitesMuseum

Quarto hashtag
#VoicesoftheMountain
#VocidellaMontagna
#museoregianini

@museodolom.it
@dolomitesunesco

24-30 maggio 2021:
suoni e voci
che compongono
la melodia delle Dolomiti...

 I “CANPANÒTE” DI COSTALTA DI CADORE

La settimana che precede S. Anna, la Santa patrona del paese comeliano, soprattutto nelle ore serali, si diffonde, a Costalta di Cadore e nei dintorni, il caratteristico e tradizionale suono dei "canpanòte". Salgono sul campanile i "suonatori", che ripetono i movimenti cadenzati, trasmessi da generazioni, per far generare, dalle campane, il caratteristico, un po' ripetitivo, riconoscibile suono. Si capisce che è “aria  di festa”, che è la settimana della Patrona. E fervono i preparativi: addobbi floreali e archi nelle stade, dove, a conclusione della ricorrenza, in serata, passa la  processione con la statua lignea della Santa.
Sulla tradizione dei canpanote pare non ci sia nulla di documentale nè orale. L'uso di suoni particolari, oltre al normale rintocco delle ore e dell'avviso per le Messe, era diffuso dappertutto nelle vallate della Carnia e del Cadore ed era legato alla tradizione aquileiese. "Canpanòte", in forme diverse, si odono dappertutto in Cadore, e c'era anche qui, in passato, l'uso di suonare "campane a martello" per segnalare l’arrivo di temporali,  incendi e pericoli per la comunità.

(La registrazione della “musica dei  canpanòte” è stata effettuata a Costalta, da Paolo De Villa, uno dei “suonatori”, nella settimana di S. Anna 2013 e pubblicata su YouTube)


Puoi vedere il filmato su YouTube






su Facebook, su Instagram e
nel Blog di Officina di Storie  
di MuseoDolom.it

Museo Regianini - Costalissoio (BL) - Per INFO e PRENOTAZIONI VISITE Tel. 0435 62600 - Cell. 3343501273
by Pino B.
Torna ai contenuti