Ricordo di Papa Wojtyla - Museo Surrealista Regianini

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricordo di Papa Wojtyla

Novità

Il Museo Surrealismo Regianini
di S. Stefano di Cadore
partecipa
al ricordo dei 100 anni
dalla nascita di Papa Wojtyla, Giovanni Paolo II,
portando a conoscenza del pubblico l’opera,
caratteristica, del Maestro Luigi Regianini,
esposta nel Museo,
denominata “La Pausa Papale”,
che ritrae il Pontefice
tra gli abeti stupiti del Comelico.

Museo Regianini – Pubbliche  Relazioni

--------------------------------------------------

Gli abeti bianchi e rossi


Il poeta Giosuè Carducci: “e di borgate sparso nascose tra i pini e gli abeti tutto il verde Comelico”.
Il Comelico è coperto da prati verdissimi e da vaste zone di boschi, di abeti che sono la materia prima locale. Boschi che hanno consentito la sopravvivenza degli antenati e continuano ad essere fonte di vita delle Regole e dei loro regolieri.
I boschi possono raccontare tante storie, hanno visto entrare, nel loro interno, tanta gente e molti personaggi importanti.
Il grande poeta veneto, profeta della natura, Andrea Zanzotto, nell’anno 2000, ha voluto fare un “bagno”, un’immersione poetica, nei boschi di abeti di risonanza della Valle Visdende, perché cantano. Il loro pregiato legno viene usato per la costruzione di violini.

Il Maestro pittore surrealista Luigi Regianini ha raffigurato Papa Wojtyla Karol, Giovanni Paolo II, Santo, in mezzo a un bosco di abeti vivi con i volti stupiti alla vista dell’uomo tutto vestito di bianco, che poi si è riposato seduto su una zocca (base di un abete tagliato perché maturo) e l’ha definita la “pausa” (posto di riposo, in ladino) papale.
Gli abeti vivi cantano, si stupiscono e suonano.


23-05-2020                                                                        Guido Buzzo

------------------------------------------------



Luigi Regianini, La Pausa Papale

--------------------------------
La presentazione dell’opera,
fatta dallo stesso pittore,
esposta nel Museo



La Pausa Papale


Questo dipinto vuole, con una suggestiva immagine, rendere lode al Santo Padre Giovanni Paolo II, Papa Wojtyla, immortalandolo in occasione del suo soggiorno in Cadore del 1987, e in particolare durante una passeggiata tra i boschi sopra Costalissoio, in cui si soffermò a riposare e a meditare, ammirando la natura, seduto su una "tauta".
Gli alberi, che nell'opera attorniano il Pontefice e si mostrano stupiti di questa presenza, sono stati realizzati dal pittore in modo gioioso, quasi fiabesco.
I raggi del sole, che perforano come lame taglienti la fitta ombra del bosco, e la nebbia, che si alza per il calore mattutino, rendono fortemente suggestivo l'ambiente. In alto fanno da cornice le montagne dolomitiche del Comelico con il famoso Passo della Sentinella.


Costalissoio, 2004 - anno dell’inaugurazione del Museo - Luigi Regianini



TOP

 
 
Museo Regianini - Costalissoio (BL) - Per INFO Regola Tel. 0435 62600
Torna ai contenuti | Torna al menu